Paola Tortora

Architetto, attrice, regista, drammaturga, trainer, formatrice, pedagoga teatrale

Nasce a Napoli dove vive fino all’età di 33 anni, dove consegue il diploma magistrale con indirizzo pedagogico e dove a 17 anni si diploma in recitazione presso la scuola professionale diretta da Antonio Casagrande. Nel 1997 a Napoli si laurea in Architettura a pieni voti, con una tesi sperimentale in storia dell’architettura napoletana ed elementi di urbanistica. Grazie al padre, medico di bordo, fin da piccola viaggia per mare alcuni mesi all’anno, “conquistando” tutte le coste del mediterraneo fino ai mari del sud America e del nord Europa. Viaggi unici che le regalano la possibilità di confrontarsi costantemente con i più svariati paesaggi e le più diverse culture durante tutta la sua infanzia e giovinezza, esperienze indimenticabili che nutrono profondamente la sua sensibilità. Sin da giovanissima studia per dieci anni pianoforte, danza classica e contemporanea, svolge con successo diverse attività sportive agonistiche (tra cui nuoto, tuffi, canottaggio, ciclismo). Lo sport che tutt’oggi continua a praticare costantemente, la conduce con il tempo a specializzarsi nella pratica di svariate forme di training fisico teatrale del tutto originali e di cui diventa fervida ideatrice e ricercatrice, fino ad elaborare un proprio autentico linguaggio espressivo ed iter pedagogico. Nasce così il progetto di formazione ALLENATTORE per attori professionisti ed il progetto ITINERARI DELL’ESSERE, aperto a chiunque desidera rivelarsi nell’espressione teatrale.

Dopo la Laurea, vive quasi un anno a Londra e tre a Milano lavorando sia come attrice che come Architetto. L’Architettura influisce fortemente e pervade costantemente il suo senso estetico ed artistico oltre che tecnico e pratico in tutto il suo “essere” teatro.  Intense attività di meditazione orientale unite alla fortissima curiosità in materia di arte, letteratura, filosofia e fisica quantistica le aprono nuovi orizzonti intellettuali, scientifici, spirituali ed umani che infondono grande spessore e profondità a tutte le opere teatrali che realizza. Il sogno, la memoria, l’inconscio, il Sé diventano così “non-luoghi” di continua esplorazione e indagine fisica, energetica, creativa ed artistica. Formatasi con i principali esponenti della ricerca teatrale italiana ed europea contemporanea intraprende la propria personale carriera artistica con uno spiccato senso di innovazione e sperimentazione pur mantenendo vive le radici della classicità e del mito che sempre rievoca nel suo modo di vivere la scena. Costantemente impegnata da un lato, nella realizzazione degli spettacoli teatrali di sua ideazione e creazione e dall’altro in attenti studi ed approfondimenti sulle tracce dei grandi maestri del teatro dal ‘900 ad oggi, realizza spettacoli che si ispirano per la maggior parte ai grandi autori del novecento, come ai grandi classici ma rivisitati in chiave contemporanea. I testi che scaturiscono da tali elaborazioni sono drammaturgie decisamente originali soprattutto dal punto di vista sonoro ed espressivo, oltre che fisico, vere e proprie partiture musicali in cui la parola è barca sonora portatrice di immagine, senso e singolare modulazione. Il lavoro sulla parola si espande anche con l’uso di diversi dialetti del sud, soprattutto il cilentano, che pervadono con forza, colore e musicalità molti degli spettacoli fino ad ora realizzati.  Nel 2007 fonda a Torino Vintulerateatro associazione culturale dedita alla formazione alla ricerca ed alla creazione teatrale rivolta sia al teatro d’Arte che al teatro sociale.

Le Esperienze Formative e Professionali più significative le vive grazie all’incontro con : Antonio Casagrande, Renato Carpentieri, Nicolaj Karpoff , Jurij Alschitz  (Mosca), Anatoli Vasiliev, E. Barba, J. Varley (Odin Teatret), Kassim Bayatly (Regista Iracheno), Enrique Pardo (Parigi), Wayan Puspayadi (Attore e danzatore Balinese), Laura Curino,  Elena Bucci, Marco Sgrosso, Dario Fo, Lucio Colle, Rodolfo Matto, Nadia Baldi, Ruggero Cappuccio,Claudio Di Palma, Gilles Coullet, Beppe Rosso, Domenico Castaldo, Katia Capato, Thomas Richards, Mario Biagini (WorkCenter), Gabriele Vacis, Mario Ruggeri(CIRT Milano), Cesar Brie, Marco Gobetti, Alessandro Bergonzoni. I musicisti Luca Urciuolo, Jozek Cardas, Matteo Belli. I poeti Manrico Murzi, Maurizio Tortora. Il filosofo Massimo Cacciari. Gli Artisti Vincenzo Cerino, Andrea Celano, Sandro Martini. Gli Psicanalisti: Giovanni Mierolo, Gabriele Lodari.

Progetti principali: Scrive e realizza il progetto Aporie del Sé su testo del filosofo Massimo Cacciari (che la sostiene con grande disponibilità) dal titolo HAMLETICA, al quale si dedica per cinque anni e che debutta allo stabile di Torino nel 2013. – Nel 2015 nasce SOLIT’ARIA progetto per attrice sola e musicista che la vede impegnata in diversi spettacoli di natura filosofica e musicale per voce sola e strumento dal vivo. -Nel 2015 nasce il progetto nazionale dal titolo TEATRinCOMUNE che ritrova consensi in Veneto, Umbria, Lombardia, Campania e che la vede impegnata in un programma di formazione ricerca e realizzazione di spettacoli a favore dei piccoli centri italiani dove il teatro di innovazione approda con più difficoltà. Il progetto sostiene anche le compagnie non professioniste di particolare talento che offrono un contributo significativo alla divulgazione della cultura nei rispettivi territori. -Attualmente impegnata in un progetto di studio e creazione dedicato alla figura ed alle opere di Fedor Dostoevskij dal titolo LA D-RAMMATICA DEI SENTIMENTI, un percorso appena iniziato che desidera ricercare, sempre attraverso la creazione di nuovi spettacoli, un “”altro” modo di esperire l’arte attoriale attraverso “l’esercizio dei sentimenti”.

Poche le esperienze cinematografiche e televisive ma grazie alle quali nel 2003 vince il  PRIMO PREMIO NAZIONALE “MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA” per la rassegna  “GLI ULTRACORTI (Roma). Lavora  con i Registi: A.Mazzara, F. Bancale, P. Sondelli, S. Alleva e gli Attori: Massimo Bonetti, Mario Scarpetta nelle Fiction: La squadra, Un posto al sole. Alcuni Spot pubblicitari.

Per l’anno 2005  è selezionata per prendere parte, presso la SCHOOL OF DRAMATIC ART di MOSCA diretta da  ANATOLI VASILIEV, al progetto Eastern Meeting Place III, diretto dal  WorkCenter di J. Grotowsky ,Thomas Richards e Mario Biagini, a cui  partecipa come Attrice e Regista, occasione che le permette anche di acquisire una significativa esperienza di leader nelle sessioni di Training.

Nel 2007 fonda a Torino l’Associazione Culturale VintuleraTeatro della quale è Presidente e Direttore Artistico.  L’associazione oltre alla produzione di spettacoli teatrali, svolge laboratori di formazione ricerca e creazione teatrale permanente, realizzando performance, studi, spettacoli ed eventi teatrali autofinanziati, collaborando con diverse compagnie, oltre che con le scuole professionali teatrali del territorio. Con la nascita dell’associazione inizia a collaborare a Torino principalmente con Sistema Teatro Torino, Teatro Stabile Torino,  Stalker Teatro Officine CAOS/ Teatranza Artedrama, e con la Performing Arts University Torino  Atelier Teatro Fisico di Philip Radice (www.teatrofisico.com)

VINCE : -2011 Bando Residenze Creative Luglio 2011 Santibriganti Teatro| Teatro Garybaldi – Settimo Torinese   Progetto Le stanze del Se – ispirato al Castello di Kafka -2012 Bando Indetto dal Sistema Teatro Torino, Fondazione Teatro Stabile di Torino-INTERVENTO A SOSTEGNO DELLA PRODUZIONE TEATRALE A TORINO E PROVINCIA con Aporie- Trilogia sull’insicurezza dell’essere -Ispirato ad Hamletica di M.Cacciari -2015  BANDO RESIDENZE Interregionale- indetto dalla regione Piemonte- Per il Progetto In C-Atene ispirato a Timone d’Atene di W. Shakespeare. -2016 Intervento a sostegno del progetto TEATRinCOMUNE – da parte del Piano Sociale di Zona di Vallo della Lucania. 

20 Giugno 2019 Partecipa al NAPOLI TEATRO FESTIVAL con lo spettacolo “Vladimiro mira il mare”  di sua ideazione scrittura interpretazione e regia    https://www.youtube.com/watch?v=vKOKrgkQf4M

Ottobre 2019-Gennaio 2020
Realizza il progetto Corpo alla Parola – 
dell’Arte i ‘Sensi ’
Piccolo Laboratorio Pratico sull’Espressione Oratoria
Per Un Turismo di Accoglienza Esperienziale
Un progetto ideato dalla Fondazione Verona MInor Hierusalem
che offre ai suoi 400 volontari un corso di formazione teatrale ideato e diretto
da paola tortora che unisce l’Arte Oratoria all’architettura ed urbanistica
di tre itinerari turistici della città di Verona.

PRINCIPALI SPETTACOLI : 
Come attrice e/o assistente alla regia:

– Numerose Commedie e farse del repertorio Napoletano di Scarpetta, Petito, De Filippo – regia A. Fezzi
– “CASA DI BAMBOLA” di Ibsen. Regia G.Mirra
-“SCATOLE CINESI” (tratto da “Inchiesta su Mortin” di Pinget) diretto da R.Matto /L. Colle
-Attrice e aiuto Regista della Compagnia “Mascherenere” diretta da L. Gazzola
– “UNICODOPPIO” di M. Smith, Regia di G. Mirra. Musiche Luca Urciuolo
– MADRELIQUIDA di M. Smith Musiche Luca Urciuolo
– “LE CORPS SAUVAGE LE CORPS SPORTIF”. Regia di C. Di Palma e G. Coullet
– “RE^VERIE DU MACBETH” (da W. Shakespeare) regia di Nadia
– DE SADE MADAME di Y.Mishima, Regia di Nadia Baldi
– “IMPARA L’ARTE E METTILA IN COMMEDIA” regia di E. Mirone.
– “ Il VIAGGIO ANALOGO” da Il Verbo Degli Uccelli di F.A.Attar diretto da D.Castaldo
– “FANTASMI D’ACCIAIO” diretto da Beppe Rosso

Di sua creazione interpretazione e regia:
– “EVOE’ EVOE’…VISITA A CASSANDRA ECHI E DANZE DI GUERRA” (Mosca 2005)
_ “IMPROBABLE ODE TO NATURE .SHORT ‘PASSAGES’ FOR THREE VOICES ABOUT THE LITTLE  AND THE  GREAT THINGS”.  Supervisione di Thomas Richards (WorkCenter) Mosca (2005)
– TRILOGIA SULL’OTELLO- tre quadri sul tema del Tradimento: ‘IRONICONIRICOTELLO – Da w. Shakespeare e da -Amare Tradire -di A. Carotenuto.
– ALL’OMBRA DEL DUBBIO da Amleto di Shakespeare| Stalker teatro Officine CAOS Torino
– ASSENZA – dalle lettere e i diari  di Franz Kafka            | Stalker teatro Officine CAOS Torino
– DIALOGHI ESTREMI dai testi di S. Beckett Stalker teatro Officine CAOS Torino          
– DIARIO IN BRICIOLE da – Eugene Ionesco Stalker teatro Officine CAOS Torino
– ENIGMI tratto dal Poema sulla Natura di Parmenide di Elea- Musiche Luca Urciuolo | Forum delle Culture Napoli |Velia Teatro Acropoli | Stalker teatro Torino
– VISIONI DALL’INCERTO trilogia – Shakespeare, Kafka e Beckett. | Stalker teatro Officine CAOS  Torino
– LE SETTE VOCI DI ELENA di Manrico Murzi  Ambasciatore Cultura UNESCO
– SENTIERIMPEFETTI Studio Ultimo della Trilogia  dedicata a Shakespeare, Kafka, Beckett
– LE STANZE DEL SE da il castello di F. Kafka 
-APORIE DEL SE spettacolo ispirato al saggio  Hamletica di Massimo Cacciari |TRILOGIA SULL’INSICUREZZA DELL’ESSERE da Shakespeare per Kafka a Beckett .2012/2013
-DELL’ANIMA MOSSA / ispirato a words and music di S. Beckett
-EGORKA /Esercizi di Resistenza Poetica . Tre Atti unici da A. Cechov  | Stalker Torino
-DI CHI E’ L’ANATRA ispirato al Compleanno di H. Pinter
-E SE LA TERRA GIRASSE DAVVERO  Ispirato a La Serra  di H. Pinter giugno 2014
-IL BRIGANTE E LA SCIANTOSA concerto napoletano di e con la cantante Barbara Buonaiuto
-VLADIMIRO MIRA IL MARE ispirato a Prose e Racconti brevi di Samuel Beckett | Primo studio stalker teatro 2015
-YEREBATHAN  | Performance in omaggio a SANDRO MARTINI – 2014 università di architettura To
-POEMETTO COSMICO –autore ignoto II sec a.c. con Jozek Cardas al violino-Festival Sognambula  Castagneto Carducci agosto 2015

Di sua scrittura creazione e regia
– #ARISTOPHANESwing – Show per donne in fallo e pene a venire – Tratto da le donne al Parlamento di Aristofane. 2017 – Torino
– S.O.S.ia Allarme Identità Artificiale- Ispirato a IL SOSIA di Fedor Dostoevskji – Vintulerateatro –2018 To
– MACHABAEORUM  Rito ironico-funereo-macabro-comico a tratti prefico per il povero Piero. –Ispirato al prologo del testo Povero Piero di Achille Campanile. Teatro Battuti Bianchi Gruppo La Corte dei Folli di Fossano (TO) Luglio 2018

Giugno 2019Napoli teatro festival–Napoli – Con lo spettacolo Vladimiro mira il mare liberamente ispirato al saggio Hamletica di Massimo Cacciari ed alcune Prose di Samuel Beckett
Agosto 2019Velia Teatro Ascea– Con lo spettacolo Le sette voci di elena .
Del Poeta Manrico Murzi
-Novembre 2019 –Istituto salvemini torino -Polo del 900 – Con lo spettacolo
TUTTO FINITO Berlino 89. Fotogrammi di un crollo – tratto dal testo inedito
Aus Und Vorbei di Ina Paul  – Traduzione  Paola Assom – Evento in occasione del trentennale della caduta del Muro di Berlino. Con Le immagini di Francesco Truono.

____________________________________________________________________

APORIE DEL SE’ un progetto imperfetto…: 

Dal 2009 al 2013 Vintulerateatro grazie alla collaborazione di decine di allievi ed attori professionisti, realizza il progetto Trilogia sull’insicurezza dell’essere, da Shakespeare, per kafka a Beckett, dal titolo APORIE DEL SE’ ispirato al saggio  Hamletica di Massimo Cacciari che debutta alla Cavallerizza di Torino, nel Gennaio 2013 con il sostegno del Teatro Stabile di Torino. Tale progetto da vita ad una ricerca di formazione teatrale di altissimo valore intellettuale e fisico, nascono nuove forme di training che si rivelano per l’attore di grande utilità sia per l’aspetto tecnico che creativo.

[ Lettera del professor Massimo Cacciari inviata dopo aver assistito allo spettacolo: Torino,   4 Febbraio 2013     “Cara Paola Tortora […] Sono molto lieto che il mio saggio “hamletica” abbia destato in lei così fecondo interesse.  La sua “trasposizione” teatrale mi pare davvero riuscita, tale da evidenziare motivi e problematiche forse non così esplicite nel testo. E’ un teatro certo difficile, ma, a pensarci, affatto originale,  poichè la sua intenzione è quella di combinare teatro di movimento, di corpo, di presenza fisica al “colmo” delle aporie intellettuali e “logiche” della tradizione letteraria moderna.  Un esperimento di impervia difficoltà, che apre una strada innovativa alla ricerca teatrale. … Con viva stima e simpatia”   Massimo Cacciari ] 

Nonostante un così alto riconoscimento il progetto risultò inevitabilmente “imperfetto”, ed imperfetto lo fu davvero per un motivo molto semplice, in quanto la trilogia,  che necessitava di tre serate distinte per la sua rappresentazione,  fu costretta per limitazione imposta dall’organizzazione,  ad essere rappresentata in due serate anzichè tre. Tutto ciò comportò la scelta obbligata , ed inevitabilmente folle,  di presentare i 3 autori, in un unico spettacolo. La critica  che ne conseguì, fu ambigua e contraddittoria,  l’opera fu definita “incantevole” ma di “troppo elevato” contenuto culturale e quindi non adatta alla “comprensione del pubblico”. www.sistemateatrotorino.it E così la compagnia vintulerateatro fu costretta a rinunciare al prosieguo ed alla divulgazione dell’arduo progetto. Eppure nonostante l’inevitabile imperfezione che condizionò fortemente l’esito dello spettacolo ,  dopo il debutto e  per varie settimane decine e decine furono le telefonate da parte di quello stesso pubblico escluso perchè “non preparato“, che rimase assetato di vedere o ri-vedere lo spettacolo. Il progetto alla maggior parte del pubblico, nonostante i limiti che presentava,  piacque moltissimo. Forse il pubblico non era così “impreparato”? Forse altro c’era da salvare di ben più grande forza?….La compagnia presentò nuovamente il progetto nella sua versione originale, tre serate per tre tempi di una tirlogia che necessitava del dovuto ascolto dei suoi contenuti, ma non fu concessa replica, in alcun modo, con grande stupore anche da parte del Professor Cacciari.

Questa esperienza sulla quale tanto altro ancora  ci sarebbe da raccontare, dopo attenta riflessione in merito alle continue ed impossibili limitazioni a cui è costretto l’Artista in Italia,  portò Paola Tortora, ad allontanarsi da quell’ ipotetico ed illusorio “successo-istituzionale” ed a tutte  le sue conseguenti ed inesorabili logiche di potere,  di cui è da sempre vittima, per dedicarsi, INVISIBILMENTE, ma con ben più gratificante determinazione e soddisfazione alla nascita, nel 2013, di  Solit’Aria progetto di denuncia e di resistenza alla condizione dell’Attore contemporaneo, costretto sempre di più a lavorare in solitudine per la feroce indifferenza e corruzione del “sistema”  e la costante “mal-distribuzione” di risorse economiche sufficienti a mantenere vivi gli artisti ed i gruppi teatrali che desiderano contribuire con impegno e qualità allo sviluppo della cultura e dell’Arte Teatrale in Italia. Solit’Aria raccoglie un insieme di spettacoli per attrice sola dedicati a tematiche filosofiche ed esistenziali espresse con un linguaggio comico e grottesco che attraverso il corpo e la voce porta l’azione a divenire estremamente comunicativa e fruibile per il pubblico pur trattando argomenti poco affini all’espressione teatrale.
A Solit’Aria si affiancò nel 2017 il nuovo progetto “La D-rammatica dei Sentimenti” percorso dedicato alla figura ed alle opere di Fedor Dostoevskij nuova avventura di studio e ricerca aperta ad una coralità di attori ed attrici, dal quale scaturì uno spettacolo dedicato alla natura dei sentimenti umani, così ben indagata e descritta dal grande autore russo.

Al momento sono in corso nuove scritture sul tema della scienza in relazione all’Uomo.